REQUIEM PER LA CULTURA LOCALE?

Posted on 01/03/13 No Comments

Abbiamo saputo due giorni prima del debutto di questo spettacolo che il Dicastero Attività Culturali e la città di Lugano non intendono dare un contributo per sostenere questa produzione, contributo richiesto a fine gennaio 2012.

Amareggiati e costernati per questa presa di posizione così tardiva e negativa, avevamo deciso di prendere in considerazione l’eventualità di annullare le tre repliche previste. Se la città di Lugano non ha interesse in questa creazione non riusciamo a capire perché dovremmo presentare questa produzione a Lugano. Inoltre il ritardo a così corta scadenza ci mette davanti a un fatto compiuto e all’impossibilità di poter reagire su qualsiasi fronte. Dopo attento esame della situazione e per non rendere „mortale“ il frutto di mesi di preparazione, abbiamo deciso per rispetto al pubblico e per rispetto alle persone implicati nel progetto, nonché al Dicastero Giovani Eventi che ci sostiene e ci ospita  al teatro Foce, di comunque andare in scena per le tre serate. La Cultura è fatta dagli artisti e dal loro incontro con il pubblico, non dalla classe politica, ma la politica può uccidere la cultura locale, la creatività, e l’attività artistica e professionale della città.

È questo che si vuole?

Un deserto culturale locale?

Una cultura solo da importazione?

Pacchetti preconfezionati di eventi alla moda made in Cina così vicina?

 

Riteniamo che il pubblico debba venire a conoscenza di queste problematiche.

Grazie per la vostra presenza che contribuisce a sostenere anche la cultura locale.

 

UA-17737382-5