DIOfemmina

Posted on 08/10/10 No Comments

conferenzaspettacolo semiseria sul concetto di Dea/Dio nell‘evoluzione umana

>>> Fotografie per la stampa

Come mai durante i secoli dell‘evoluzione umana siamo rimasti orfani di una Grande Madre?

DIOfemmina avrebbe dettato a Mosè come sesto comandamento „Non russare“?

Come mai in tutte le culture antiche appare sempre una divinità femminile al fianco di quella maschile?

La Grande Dea il settimo giorno avrebbe riposato dal parrucchiere?

Il concetto di Dea è nato 25‘000 anni fa e le prime vestigia della divinità femminile per eccellenza, la Dea Madre, appaiono in ogni angolo del globo. Con il passare dei secoli, ogni civiltà le attribuì nomi diversi, glorificandola come unica fonte di vita dell’intero Universo.

La concezione di un dio maschile creatore e controllore tale come è immaginato per gli uomini attuali, cominciò a formalizzarsi solo nel 3‘000 a.C. e trovò ampia diffusione solo nel millennio successivo.

Ripercorrendo l‘evoluzione umana, il suo passato biologico e sociale, le sue scoperte e i processi che formarono la sua struttura psichica e le sue espressioni culturali, si può ricostruire anche l‘evoluzione del suo concetto di Dea/Dio.

Lo spettacolo DIOfemmina, dal titolo provocatorio e nello stesso tempo immaginifico, ripercorre quel mondo divino al femminile esistito nell‘antichità, venerato per millenni e poi lentamente fatto sparire dalle nuove religioni monoteiste. Un omaggio alla forza divina femminile che non vuole e non deve prevaricare quella maschile, ma conviverci secondo una legge immutabile di equilibrio ed armonia.

Non si tratta di rivendicare diritti perduti, quanto piuttosto di riportare alla luce reperti sotterrati e dimenticati, analizzando l‘evoluzione dell‘essere umano e lo sviluppo del suo „credere“ a forze più grandi di lui che lo ha accompagnato durante la sua intera esistenza.

Ad antiche leggende sulla creazione dell‘essere umano, a dati, conoscenze e reperti archeologici analizzati da studiosi di tutto il mondo, ad estratti da testi sacri, faranno eco supposizioni, fantasticherie, citazioni, riflessioni su questo argomento così vasto, intrigante, poliedrico, affascinante.

Attraverso la parola, la recitazione, la mimica, la musica, le immagini quest‘esplorazione dell’Universo della divinità femminile riporterà alla ribalta un DIOfemmina che non si prende troppo sul serio, la cui generosità travalica i luoghi comuni e si perde in un mare di ilarità.

Quando dio creò l’uomo era già stanco. Ciò spiega molto.
Mark Twain


DIOfemmina
spettacoloconferenza semiseria sul concetto di Dio/Dea nell’evoluzione umana

Creazione e interpretazione
PATRIZIA BARBUIANI

Musiche e live electronics
GABRIELE MARANGONI

Realizzazione scenografica e luci
MARTIN WIESER

Trovarobe
LUISA GIORDANI

Fotografia e video
FIZZO Photo Book Film

Dettagli sulla produzione / comunicata stampa (PDF)

UA-17737382-5